Valeria Gamboni è la nuova Segretaria generale della FOSIT–Federazione delle ONG della Svizzera italiana

__TFMF_j2sw0v45s5v5ce45zvjmr1a3_d9a76cc5-5b7a-42cf-94b3-3a1f671b4ad2_0_interna

BELLINZONA – Valeria Gamboni è la nuova Segretaria generale della FOSIT–Federazione delle ONG della Svizzera italiana. Succederà dal 1° di giugno a Dorothy Prezza, che per quasi un decennio è stata a capo del Segretariato dell’associazione di categoria della cooperazione internazionale allo sviluppo.

Immagini
FOTO FOSIT

Valeria Gamboni, classe 1966, si è laureata in geografia a Losanna ed è titolare di un Master of Science in Development Studies conseguito Londra. E’ da poco rientrata in Svizzera dal Sud Sudan, ove ha lavorato all’ufficio di Giuba della Direzione dello Sviluppo e della Cooperazione (DSC), che ha anche diretto ad interim.

Precedentemente è stata collaboratrice scientifica all’Ufficio federale della migrazione (UFM) a Givisiez, nel Canton Friburgo. Nell’ambito dell’aiuto umanitario, ha lavorato per quindici anni per il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR), sia in vari Paesi dell’Africa, dell’America Latina e dell’Asia, sia presso la sede centrale, a Ginevra.

Dal 1° di giugno prossimo, data in cui assumerà le sue funzioni, la nuova segretaria generale lavorerà alla FOSIT a tempo pieno. Succederà a Dorothy Prezza, la quale per quasi dieci anni è stata responsabile del Segretariato della Federazione, contribuendo grandemente al suo rafforzamento. D. Prezza è stata assunta dalla DSC e lavorerà presso l’ufficio di Cotonou, nel Benin, come responsabile dei programmi svizzeri di sostegno alla governance e alla decentralizzazione.

La FOSIT raggruppa una sessantina di organizzazioni non governative (ONG) senza scopo di lucro del Canton Ticino e del Grigioni italiano attive nell’ambito della cooperazione internazionale allo sviluppo.

Da quindici anni, fra i suoi compiti istituzionali rientrano: l’organizzazione delle attività comuni di formazione e aggiornamento delle ONG, la promozione delle migliori pratiche e della cultura della cooperazione, e l’innalzamento della qualità istituzionale e operativa delle organizzazioni associate.

Nel 2013 ha assegnato sostegni finanziari pubblici e privati a quaranta progetti promossi in diciannove Paesi, per un totale di più di 790mila franchi.

Advertisements